Utilizziamo cookie nostri e di terze parti per migliorare i servizi e analizzare le tue preferenze. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e modificare le impostazioni visita la pagina dedicata ai Cookie
Usando lagiocata.matchpoint.it accetti che Sisal ed i suoi partner utilizzino i cookies per fini di personalizzazione ed altre finalità
Cristiano Lanzafame

Calcio internazionale

Cristiano Lanzafame

Davide Lanzafame si è appena laureato campione d’Ungheria con il Budapest Honvéd, la squadra che fu di Puskás, Bozsik, Czibor e Kocsis e che non trionfava in campionato da ben 24 anni. L’ex giocatore del Perugia ha contribuito al successo con 11 gol e 6 assist in 23 partite ed è stato tra i migliori giocatori della squadra allenata dall’italiano Marco Rossi.

C’è stato un momento in cui si pensava che Lanzafame sarebbe diventato un ottimo giocatore, grazie a prestazioni importanti con la Primavera della Juventus e a una stagione molto promettente nel Bari appena ventenne. Il suo calcio fatto di dribbling ubriacanti, assist e un grande senso per il gol aveva portato la stampa a paragonarlo addirittura a Cristiano Ronaldo.

lanza

Questo paragone eccessivo finì per diventare un meme sempre più insistente mentre la carriera di Lanzafame scendeva sempre di più. Dopo Bari non è stato più in grado di rispettare le aspettative e dopo qualche anonima stagione tra A e B, con un picco a Parma, si è trasferito nel 2013 per una prima volta all’Honvéd, da dove venne però cacciato poco dopo a causa di un brutto litigio con un compagno per chi dovesse tirare un rigore. Nell’agosto del 2016 Lanzafame decide di tornare a Budapest dove – a trent’anni – riesce finalmente ad assomigliare a Cristiano Ronaldo. Il Cristiano Ronaldo del campionato ungherese, ma conta davvero il dove? Come dimostrano le migliori giocate di Lanzafame in questa stagione, che trovate di seguito, l’importante è sentirsi Cristiano Ronaldo dentro riuscendo ad avere un impatto fondamentale in una squadra vincente.

1) Gol contro il Mezőkövesd Zsóry FC


Lanzafame si sente così vicino a Cristiano Ronaldo che si è fatto commissionare un brutto busto da mettere all’aeroporto di Budapest Lanzafame.

È il minuto sessantasei e l’Honvéd sta pareggiando per 1 a 1 una partita che deve assolutamente vincere, Lanzafame riceve palla sulla destra e si accentra, salta un primo avversario di forza, ubriaca il secondo con due distinti doppi passi, poi appena entrato in area scaglia un sinistro a giro che bacia la traversa ed entra in rete. Dopo questo gol la squadra dilagherà fino al 5 a 1, ma è questa giocata à la Cristiano Ronaldo allo specchio (parte da destra invece che da sinistra come il portoghese) che cambia l’inerzia della gara. Pochi minuti dopo segnerà ancora, di nuovo un gol preso spiccicato dall’album dei gol del portoghese, in questo caso è tutta una questione di egoismo.

2) Tacco per cambiare direzione e lancio perfetto


Lanzafame si sente così vicino a Cristiano Ronaldo che pensa di aver vinto l’Europeo dopo essersi infortunato in finale.

Cambiare direzione usando il tacco è forse la signature move più riconoscibile di Cristiano Ronaldo. Lanzafame la usa per saltare il diretto avversario, caracollare verso il centro e crearsi il tempo per il passaggio. Il lancio per il compagno è perfetto, Lanzafame si sente un Cristiano Ronaldo più generoso, purtroppo la giocata impacciata del compagno gli ricorda che non tutti possono avere Benzema o Morata come compagni.

3) Gol vittoria al 94’ di testa contro il Gyirmót


Lanzafame si sente così vicino a Cristiano Ronaldo da odiare Messi.

L’Honvéd ha finito per vincere il campionato con un vantaggio di tre punti sulla seconda. Capite come sia importante questo gol – in piena lotta per il titolo – segnato proprio allo scadere del recupero. Quasi più Sergio Ramos per il minuto, la capacità di trovarsi al posto giusto, al momento giusto all’interno dell’area è estremamente propria di Cristiano Ronaldo, che tra le altre cose è uno dei migliori colpitori di testa del mondo. Il gol di Lanzafame è solo all’apparenza semplice: per battere il portiere deve eseguire un movimento tipo frusta con il collo per imprimere la forza necessaria a un pallone molto lento e regalare alla sua squadra 3 punti importantissimi.

4) Gol su punizione contro il Debrecen


Lanzafame si sente così vicino a Cristiano Ronaldo da regalare al proprio procuratore un’isola.

Lanzafame è fermo come una statua, l’arbitro fischia, fa due rapidi passi verso il pallone, contrae i muscoli della gamba destra tesa come una corda di violino e lascia partire un missile che va a sbattere sul palo ed entra. Segnare con questa facilità su punizione è addirittura un’evoluzione di Cristiano Ronaldo, è Davide Lanzafame che domina il campionato ungherese, che grazie a questo gol regala un altro successo al suo Honvéd.

5) Tunnel e protezione del pallone


Lanzafame si sente così vicino a Cristiano Ronaldo che ha cambiato nome in Cristiano Lanzafame.

A vedere le giocate di Lanzafame con la maglia dell’Honvéd viene da chiedersi cosa sia mancato alla sua carriera. Un po’ come Giovinco in Canada, il calciatore italiano sembra così superiore al contesto da convincerci che potrebbe essere ugualmente superiore in campionati molto più importanti. In questa azione controlla un pallone sporco a centrocampo, salta un avversario con un tunnel, subito dopo un secondo con un tocco d’esterno. L’avversario è quindi costretto a fermarlo con un fallo per non far diventare l’azione pericolosa. Fa tutto questo con tre tocchi nel giro di mezzo secondo. Lanzafame non sarà Cristiano Ronaldo, ma forse se avesse avuto un po’ più di fortuna, o forse una testa più simile a quella del portoghese oggi staremo parlando di tutta un’altra carriera.

Commenti